Saturday, 11 March 2017

Giro delle isole di Sicilia: EOLIE - EGADI - PANTELLERIA

TAPPE
- 03.03.2017: Siracusa-Giarre (treno)- Messina-Milazzo,80km
- 04.03.2017: Milazzo, 30km
- 05.03.2017: Milazzo-Vulcano, ferry + 20km
- 06.03.2017: Vulcano-Lipari, ferry
- 07.03.2017: Lipari, 35km (giro dell'isola)
- 08.03.2017: Lipari
- 09.03.2017: Lipari-Milazzo, ferry
- 10.03.2017: Milazzo-Palermo (treno)-Castellamare, 77km
- 11.03.2017: Castellamare-Trapani,50km
- 12.03.2017: Trapani-Levanzo, ferry
- 13.03.2017: Levanzo-Trapani, ferry
- 14.03.2017: Trapani-Pantelleria, ferry
- 15.03.2017: Pantelleria, giro dell'isola, 50 km
- 16.03.2017: Pantelleria-Trapani, ferry
- 17.03.2017: Trapani-Marsala-Mazara-Sciacca, 117km/H+900m
- 18.03.2017: Sciacca-Agrigento-Licata, 107km/H+1090m
- 19.03.2017: Licata-Sampieri, 106km
- 20.03.2017: Sampieri-Marzamemi, 65km
- 21.03.2017: Marzamemi-Avola-Siracusa, 60km

  ISOLE EOLIE  



Le Isole Eolie, dette anche Isole Lipari, sono un arcipelago dell'Italia appartenente all'arco Eoliano, in Sicilia.
L'arcipelago, di origine vulcanica, è situato nel Mar Tirreno, a nord della costa siciliana. Comprende due vulcani attivi, Stromboli e Vulcano, oltre a vari fenomeni di vulcanismo secondario.
Le Isole Eolie formano un arcipelago, costituito da sette isole vere e proprie, alle quali si aggiungono isolotti e scogli affioranti dal mare. Le sette isole sono: Lipari, Salina, Vulcano, Stromboli, Panarea, Alicudi, Filicudi
__________________________________________________________

03 MARZO 2017: Siracusa-Giarre (treno)-Messina-Milazzo, 80km 
Sistemate alcune cosucce, il viaggio finalmente riparte!!
Lasciata Siracusa vado in treno fino a Giarre, poco dopo Catania, e da qui continuo per Messina e poi Milazzo dove arrivo nel tardo pomeriggio.
Questa volta però non posso fare a meno di arrivare fino all'estrema punta nord dell'isola per vedere da vicino lo storico "traliccio siciliano", detto "pilone di Torre Faro",  autentico esempio di archeologia industriale, costruito tra il 1948 ed il 1956, alto 225 metri, punto cruciale nel passaggio di energia elettrica a 220kV tra il continente e l’isola.











.... e, tanto per entrare nella giusta atmosfera ....

04 MARZO 2017: Milazzo, 30km 
Complici gli orari “impossibili” dei ferry nella giornata di sabato, ne approfitto per rimanere a Milazzo, conoscendone così la cittadella fortificata, nonché i suoi litorali di levante e ponente che fanno da contorno al suo splendido promontorio. Una nota del tutto speciale va all’area antistante il Faro di Capo Milazzo con un superlativo sentiero che scende fino al mare dove si trova una piscina naturale nota con il nome di Piscina di Venere.









05 MARZO 2017: Milazzo-Vulcano, ferry + 20km 
Da Milazzo all’isola di Vulcano con il ferry della Siremar il cui attracco al piccolo molo dell'isola, per via delle forti raffiche di libeccio, è rimasto in dubbio fino all’ultimo momento.
Veramente bella la salita al cratere, in buona parte fatta a piedi, seguendo un sentiero non particolarmente impegnativo ma sempre molto panoramico.



06 MARZO 2017: Vulcano - Lipari, ferry





Museo Archeologico di Lipari
Il complesso museale sorge sul roccione riolitico del "Castello" di Lipari, un'imponente cupola di formazione vulcanica con caratteristiche di fortezza naturale, dove gli abitanti si sono insediati in tutti i periodi in cui si è sentita una necessità di difesa.

Il Museo, costituito da sei padiglioni, accoglie testimonianze che vanno dalla Preistoria (Neolitico, Età del Bronzo) alle soglie dell' Età Moderna (colonizzazione Greco-Romana). 




07 MARZO 2017: Lipari, giro dell'isola, 35 km
Oggi, o al massimo domani, nelle mie intenzioni c'era Stromboli.
Ahh ... la "notturna di Stromboli" ... quanto me l'ero sognata!! ... dimenticando però di fare i conti con il mare e la stagione ancora un po' troppo "prematura" per potersi permettere certe cose.
Oggi, come peraltro in parte ieri e con molta probabilità anche domani, i collegamenti con le isole sono semplicemente sospesi, il mare non lo permette!!
Così ora finalmente capisco quando alla radio sentivo dire che i collegamenti con le isole erano "difficoltosi"!!
Non mi rimane che restare qui a Lipari ... e trovare qualcosa da fare, oggi, per esempio il giro dell'isola. Piove, c'è vento forte ... e fa pure freddo.
Il giro però è fantastico, 35 km seguendo la costa, il mare in burrasca, traffico zero !!! Quasi quasi domani lo rifaccio ... .





08 MARZO 2017: Lipari


09.03.2017: Lipari-Milazzo, ferry


.... dopo tre giorni di "fermo " a causa del maltempo finalmente il ferry arriva ... e mi riporta sulla terraferma ... la Sicilia!!!



10.03.2017: Milazzo-Palermo (treno)-Castellamare del Golfo, 77km
Prima in treno da Milazzo a Palermo, il resto in bicicletta.
Poi il veloce passaggio per Palermo e poi ancora in direzione di Castellamare del Golfo.
All'altezza di Terrasini l'incontro con Alfonso e moglie, una gran festa.

















11.03.2017: Castellamare del Golfo-Trapani, 50km





  ISOLE EGADI  

L'arcipelago delle Egadi consta di tre isole e due isolotti, più una serie di scogli e faraglioni, ed è posto a circa 7 km dalla costa occidentale della Sicilia, fra Trapani e Marsala, in provincia di Trapani.
Sull'arcipelago è sita la Riserva naturale marina delle Isole Egadi.
Dal punto di vista geologico le isole Egadi sono strettamente collegate con la Sicilia; l'arcipelago, di 37,45 km², è formato dalle isole Favignana, Marettimo, Levanzo e diverse altre minori, alcune poco più che scogli.



12.03.2017: Trapani-Levanzo, ferry
LEVANZO






13.03.2017: Levanzo-Trapani, ferry
TRAPANI


14.03.2017: Trapani-Pantelleria, ferry
  PANTELLERIA  
Da:
Pantelleria è un comune italiano di 7715 abitanti della provincia di Trapani in Sicilia. Il comune copre l'intera isola di Pantelleria che è estesa più di 80 km² (4 volte circa l'isola di Lampedusa) e si trova a 110 km a sud ovest della Sicilia e 70 a est nord est della Tunisia, la cui costa, al pari di quella siciliana, è talvolta visibile ad occhio nudo. Il suo territorio è di origine vulcanica. L'ultima eruzione è avvenuta, nel 1891, sul pendio nord-occidentale, nella parte sommersa. Sono tuttora presenti molti fenomeni di vulcanesimo secondario, prevalentemente acque calde e soffioni di vapore. L'isola raggiunge un'altitudine di 836 m sul livello del mare con la Montagna Grande.
Nota anche come la "Perla Nera" del Mediterraneo per via della pietra lavica su cui sorge: costituisce infatti la parte emersa di un edificio vulcanico i cui ultimi eventi eruttivi risalgono a circa 9000 anni fa mentre gli ultimi eventi sismici rilevanti sono datati alla fine del 1800. Tra le sue attrazioni archeologiche spiccano i celebri "dammusi", antiche abitazioni rurali oggi trasformate in comodi e suggestivi alloggi. Le coste frastagliate, bagnate da un mare cristallino, la ricchezza dei fondali, i versanti scoscesi coperti di colture a terrazze racchiuse da muretti a secco, fanno di Pantelleria un'isola splendida, celebre anche per la produzione del suo vino Passito. Pantelleria fu un punto strategico nel Mediterraneo per i Romani, poi venne occupata dagli spagnoli, che la trasformarono in colonia penale. La si può raggiungere in aereo o via mare. Il Castello di Barbacane, che domina il porto, è stato adibito a carcere fino al 1975 e ora è destinato a museo. Un tempo era infatti circondato interamente dalle acque del mare a e dotato di un ponte levatoio per i collegamenti con l'esterno. Originariamente costituiva un baluardo a protezione dei traffici marittimi dell'isola.
























NEL CUORE DEL MEDITERRANEO: 
SONO LE 06:49 DI OGGI 14 MARZO 2017: E’ L’ALBA DI UN NUOVO GIORNO !! 





















15.03.2017: PANTELLERIA, giro dell'isola, 50 km






Sataria, Grotta della Salute
Scavata in parte dall’erosione del mare e dei venti su un banco di pomici, viene completata dall’intervento dell’uomo per la presenza di sorgenti di acqua termale calda, sfruttata fin dall’antichità per curare i dolori articolari.
Il mito riconduce questo luogo alla dimora della dea Calipso e di Ulisse nell’isola di Ogigia. 


16.03.2017: Pantelleria-Trapani, ferry




17.03.2017: Trapani-Marsala-Mazara-Sciacca, 117km





18.03.2017: Sciacca-Agrigento-Licata, 107km/H+1090m


SCIACCA, il porto


AGRIGENTO, tempio della dea Concordia


19.03.2017: Licata-Sampieri, 106km

OGGI E' ANDATA COSI':



... E POI COSI':



... E POI ANCORA COSI':

PLASTICA, VETRO, LATTINE, PARTE UMIDA E RIFIUTI SPECIALI ... E POI C'E' L'INDIFFERENZIATA E PERFINO DEI REPERTI ARCHEOLOGICI !!!
MEGLIO DI COSI' ... !!!

RACCOLTA DIFFERENZIATA: PLASTICA

RACCOLTA DIFFERENZIATA: VETRO

RACCOLTA DIFFERENZIATA: LATTINE

RACCOLTA DIFFERENZIATA: "FRAZIONE" UMIDA

RACCOLTA DIFFERENZIATA: RIFIUTI SPECIALI

RACCOLTA DIFFERENZIATA: RIFIUTI SPECIALI

RACCOLTA DIFFERENZIATA: RIFIUTI SPECIALI

RACCOLTA DIFFERENZIATA: RIFIUTI SPECIALI

RACCOLTA DIFFERENZIATA: RIFIUTI SPECIALI, ETERNIT ... OVVERO AMIANTO
RACCOLTA DIFFERENZIATA: .... NO, QUI E' INDIFFERENZIATA !!

RACCOLTA DIFFERENZIATA: REPERTI ARCHEOLOGICI ...







































20.03.2017: Sampieri-Marzamemi, 65km

... MANNAGGIA, AVEVO FATTO UN BEL VIDEO A SAMPIERI E L'HO CANCELLATO PER SBAGLIO !!!!


IN UN VIAGGIO IN SICILIA  ... L'ISOLA DELLE CORRENTI NON PUO' MAI MANCARE !!!!







.. ecco, diciamo pure che in un viaggio ci vuole anche questo !!!

21.03.2017: Marzamemi-Avola-Siracusa, 60km

.... fine del viaggio

IL PASSAGGIO PER AVOLA
L'  ARRIVO A SIRACUSA
ERO PARTITO PER MALTA  IL 23.01.2017:
QUI ALLA PARTENZA CON SALVATORE DAVANTI AL SUO NUOVISSIMO BAR DI VIA NIZZA
SONO TORNATO DAL GIRO DELLE ISOLE OGGI 21.03.2017
QUI ALL' ARRIVO CON SALVATORE SEMPRE OVVIAMENTE DAVANTI AL SUO NUOVISSIMO BAR DI VIA NIZZA




___________________________________________


--------- CONCLUSIONI --------- 


Con l’arrivo ad Ortigia (Siracusa), si chiude dunque questo mio quinto cicloviaggio in Sicilia. Un viaggio decisamente atipico, fortemente condizionato dal meteo, dai venti e dai capricci del mare. Dapprima in ostaggio oltre ogni previsione nell’isola di Lipari e a lungo in forse per le isole di Vulcano, Levanzo e Pantelleria. 
TUTTE LE PARTENZE DEI TARGHETTI ERANO INFATTI SEMPRE “CON RISERVA” !! 

Malta, Gozo, Isole Eolie ed Egadi, Pantelleria … Isola delle Correnti ed infine Ortigia. 
Avrei voluto visitare Stromboli ma mi è stata caldamente sconsigliata perché il rischio di dovervi rimanere per una settimana era molto concreto. Con Stromboli sono venute a mancare anche Panarea, Filicudi, Alicudi, Marettimo …. oltre altre più piccole “formiche” da visitare, forse meglio, preferibilmente a piedi. 

Come al solito, purtroppo, due “Sicilie”: una che in questo primo scorcio di primavera semplicemente t’incanta … e poi quell’altra, quella orribile che ahimè riesce ad incantarti molto di meno. 
Qui sotto due foto, prese a pochi metri una dall’altra, parlano da sole.